Da non perdere
pt-ptitfresen
Rocca Calascio (L'Aquila), Abruzzo. Autore Inviaggiocommons. Licensed under the Creative Commons Attribution
Rocca Calascio (L'Aquila), Abruzzo. Autore Inviaggiocommons

Abruzzo cosa vedere: le attrazioni turistiche

Questo post è disponibile anche in: Francese, Inglese, Portoghese, Portogallo, Spagnolo

Abruzzo

Abruzzo

Regione dell’Italia centro-meridionale, l’Abruzzo ha fatto storicamente parte del Regno delle Due Sicilie, per questo viene spesso considerata una regione del Mezzogiorno d’Italia. La regione confina a nord con le Marche, a ovest con il Lazio e a sud con il Molise. La città più grande della regione è Pescara, situata al centro della costa abruzzese, ma il capoluogo regionale è la città de L’Aquila, situata nell’interno lungo la catena appenninica.

La regione si affaccia sul mare Adriatico con una fascia costiera pianeggiante lunga quasi 130 km, che è praticamente l’unica parte piana del territorio regionale. Il resto del territorio abruzzese è per la maggior parte formato da montagne, che rappresentano il 65% del territorio, e da colline, che sono il 34% della superficie regionale.

La costa del mare Adriatico situata a nord di Pescara è bassa e caratterizzata da lunghe spiagge sabbiose, mentre a sud di Pescara la costa è a volte alta e rocciosa con spiagge di ciottoli. L’entroterra presenta una fascia collinare e poi una serie di catene montuose dove si trovano le vette più alte degli Appennini.

A nord, al confine con Marche e Lazio si trovano i Monti della Laga che raggiungono altitudini notevoli con il Monte Gorzano (2.458 metri). Al centro della regione si trova il vasto altopiano di Campo Imperatore, posto ad un altitudine variabile tra i 1500 metri e i 2100 metri, a ridosso di esso s’innalza il massiccio del Gran Sasso d’Italia, dove si trova il Corno Grande (2.912 metri), che è la montagna più alta degli Appennini. A sud sono le montagne della Maiella anch’esse molto elevate, la vetta più alta è il Monte Amaro (2.793 metri).

Oltre le montagne si trovano la Conca Aquilana e la Conca Peligna dove scorrono i fiumi Aterno e Sagittario. Verso il confine con il Lazio s’innalzano di nuovo le montagne dell’Appenino Abruzzese con il Monte Velino (2.487 metri), il Monte Sirente (2.349 metri), e più a sud i Monti Marsicani con il Monte Greco (2.285 metri) e i Monti della Meta con il Monte Petroso (2.247 metri).

Ripari di Giobbe, Costa dei Trabocchi (Chieti), Abruzzo. Autore Verratti 85. No Copyright

Ripari di Giobbe, Costa dei Trabocchi (Chieti), Abruzzo. Autore Verratti 85

Abruzzo cosa vedere: le attrazioni turistiche

L’Abruzzo è una regione di grande bellezza paesaggistica con montagne imponenti, brulli altopiani, e una bella costa lungo il mare Adriatico. Nell’interno della regione si trovano alcuni dei paesaggi più incontaminati e pittoreschi d’Italia, diverse località dell’interno sono rimaste tali e quali erano centinaia di anni fa.

I circa 130 km di costa presentano località balneari molto ricercate dalle famiglie con bambini. La costa a nord di Pescara è bassa e sabbiosa, mentre a sud della città e fino al confine con il Molise si presenta a volte alta e rocciosa. Tra le stazioni balneari più frequentate troviamo Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Francavilla al Mare, Ortona, Vasto.

La natura e i paesaggi naturali conservati grazie a tre parchi nazionali (Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Parco nazionale della Maiella) e ad altre aree protette, sono tra i principali motivi di un viaggio in Abruzzo.

Anche il turista appassionato di arte trova alcune città molto interessanti da visitare: L’Aquila, con un centro storico medievale di grande fascino, purtroppo in parte rovinato dal terremoto del 2009, Teramo, Sulmona, Chieti, Lanciano, Vasto. Ma dal punto di vista artistico sono i piccoli centri ad essere veramente interessanti, vi si trovano borghi medievali intatti (Penne, Civitella del Tronto, Atri, Castel di Sangro, Pescocostanzo), suggestivi ruderi di castelli e di antichi villaggi montani (Rocca Calascio, Civitella del Tronto, Roccascalegna) , resti archeologici (Amiternum, Chieti, Alba Fucens, Teramo, il Santuario di Ercole Curino a Sulmona).

Molte sono anche le possibilità di praticare d’inverno lo sci e lo sci di fondo. I centri sciistici più famosi sono quelli di Roccaraso, Campo Felice, Pescasséroli, e Campo Imperatore.

admin

banner
Close
Seguici su Facebook
Resta aggiornato con Famiglia e Salute
eXTReMe Tracker