Da non perdere
pt-ptitfresen
Spaghetti alla bottarga. Autore Yvette Tan. Licensed under the Creative Commons Attribution
Spaghetti alla bottarga. Autore Yvette Tan

Ricetta degli Spaghetti alla Bottarga

Un primo piatto tipico della Sardegna, il cui ingrediente principale è dato dalla bottarga, sostanza che non tutti conoscono,  prodotta dalle uova del pesce femmina, in questo caso tonno oppure cefalo. La bottarga di tonno ha un sapore più forte e deciso mentre quello di cefalo è senza dubbio più delicato, l’acquisto è possibile faro in polvere, ma la qualità è senz’altro più scadente, oppure in busta a pezzi di circa 100 gr. chiamati ” baffi” asciutti e non secchi. Una volta aperti e non consumati  li possiamo chiudere all’interno di un barattolo di vetro ricoperti di olio extravergine di oliva e conservati in frigorifero nella parte meno fredda, per circa 20 giorni.

Per quanto riguarda la bottarga e il suo consumo, bisogna precisare che ha necessità di poca cottura, anzi la possiamo consumare anche a crudo, condita magari con dell’olio  sopra.

La bottarga viene chiamato anche l’oro della Sardegna, posto prediletto per la sua preparazione e luogo di partenza per la sua commercializzazione. Il nome bottarga, è stato assegnato dagli arabi e sta a significare pesce salato, il suo uso è stato menzionato anche dagli antichi egizi.

Innumerevoli sono i benefici che apportano il consumo della bottarga, innanzitutto la ricchezza di sostanze, come l’Omega 3 che donano benessere al sistema cardiovascolare e circolatorio, inoltre è un potente antinfiammatorio a livello di articolazione.

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 grammi di spaghetti
  • 50 grammi di bottarga di tonno
  • 2 spicchi d’aglio
  • prezzemolo
  • Vernaccia
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • peperoncino in polvere q.b.

Preparazione:

  • Prendete una padella e aggiungete 4 cucchiaio di olio extravergine di oliva, i due spicchi di aglio, diviso a metà, fate rosolare appena a fuoco bassissimo, dopo eliminatelo, aggiungete un bicchierino di vernaccia, fatelo evaporare  e a questo punto prendete la bottarga di cui avrete grattugiato un parte in precedenza e fate insaporire solo qualche minuto, a fuoco basso, aggiungendo sale e peperoncino quanto basta, concludete aggiungendo una bella manciata di prezzemolo fresco tritato.
  • Una volta cotti gli spaghetti e scolati, fateli saltare in padella nella bottarga e decorate ogni piatto che servite con qualche fetta fine della bottarga messa da parte.

Laura Ramerini

Sono Blogger a tempo quasi pieno e mamma di due splendidi bambini. Tra le mie passioni la musica, il canto, la cucina, il ricamo, i viaggi e tutto quello che riguarda la salute.
banner