Da non perdere
pt-ptitfresen
Rostinciane. Autore Romi. No Copyright
Rostinciane. Autore Romi

Ricetta delle Rostinciane

La Toscana è famosa per i suoi sapori, lo sappiamo tutti, ma questo piatto è talmente delicato e facile da preparare che vi stupirà per il risultato che otterrete. Le costolette di maiale – chiamate in Toscana rostinciane o rosticciane – specie consumate nel periodo invernale, insieme a qualche salsiccia, sono una squisitezza e prevedono sempre una buona marinatura, qualsiasi ingrediente usiate, in questo caso l’aglio e la maggiorana sono un’accoppiata vincente. Un consiglio  da dare per una migliore riuscita del piatto consiste nell’acquisto delle costolette di maiale, è d’obbligo usare quelle fini e non molto alte di spessore, risparmierete nel tempo di cottura, ma soprattutto prediligendo quelle con maggiore presenza di  grasso, il quale ha lo scopo di rendere tenera e morbida la carne, evitando che si indurisca.

Ingredienti per 4 persone

  • 8 costolette di maiale ( rostinciane )
  • aglio
  • maggiorana
  • limone
  • olio d’oliva
  • pepe
  • sale

Preparazione:

  • Mettete a marinare per 2 ore le costolette in un composto di 1 bicchiere di olio d’oliva, maggiorana, 3 spicchi d’aglio tritati insaporiti di sale e pepe.
  • Prima di metterle nella griglia per la cottura spremetevi sopra il succo di 1 limone, cuocete irrorando la superficie con il sugo della marinatura.

Il tipo di cottura previsto  è quello a legna,  in quanto ha la capacità di regalare alla carne un buon sapore, grazie alla carbonella o al tipo di legno usato per cuocere, ma nulla vieta di ottenere degli ottimi risultati, utilizzando il forno di casa grazie alla presenza del grill, sfruttando una temperatura di circa 180°. Un altro accorgimento per ottenere saporita  questo tipo di carne e quindi poterla gustare al meglio, riguarda la marinatura delle costolette. Prima di cuocerle, dobbiamo assolutamente arricchire la carne di aromi e gli ingredienti che questa ricetta prevede, riguardano spezie come l’aglio, la maggiorana, l’olio extravergine di oliva, non  essendo parsimoniosi con l’uso del sale e del pepe, facendo  riposare  il tutto, per circa 2 ore nel frigorifero.

Laura Ramerini

Sono Blogger a tempo quasi pieno e mamma di due splendidi bambini. Tra le mie passioni la musica, il canto, la cucina, il ricamo, i viaggi e tutto quello che riguarda la salute.
banner