Top down maglia con scollo a V foto di Laura Ramerini
Top down maglia con scollo a V foto di Laura Ramerini

Come lavorare ai ferri Top down scollo a V parte 3

SOSPENSIONE DELLE MANICHE

Una volta raggiunta la misura del vostro sottobraccio (solitamente a cm. 24-25 dall’inizio dello scollo) ed ovviamente provato il capo verificando che il davanti ed il dietro del lavoro combacino.

Prendete un ago da lana con del filo di colore diverso ma dello stesso spessore e mettete in sospensione le maglie della manica prendendo la maglia dopo il raglan fino a prendere quella che precede il raglan seguente e chiudete il filo con un nodo.

Poi prendete un metro da sarta e misurate l’intera circonferenza della manica messa in sospensione e confrontela con la circonferenza del vostro sottobraccio, solitamente si aggiungono sempre un paio di cm. ( calcolo da fare in base al vostro campione ) per rendere più agevole il movimento delle braccia.

Dopo aver aggiunto le maglie per il sottobraccio continuate la lavorazione fino ad arrivare alla lunghezza stabilita per il vostro progetto.

Fate il bordo elastico lavorato solitamente a coste 2/2 per un’altezza di circa 4 cm. e poi chiudete le maglie con l’accavalata semplice.

LA RIPRESA DELLE MANICHE

Prendete il vostro foglio con le misure relative alla lunghezza della manica, la circonferenza del braccio e della mano perché adesso ci serviranno

Le maniche vengono riprese con facilità grazie a quel trucchetto di lasciare in sospensione le maglie su di un filo di colore diverso a parte.

Il filo di colore diverso infatti è come se fosse proprio un ferro di lavorazione.

Posizionatevi nella parte del sottobraccio, individuate il centro delle maglie aggiunte in più per il sottobraccio ed iniziate a riprendere le maglie che lavorandole direttamente a diritto si posizioneranno sul ferro.

In prossimità degli angoli del sottobraccio sarà un po’ più difficile individuare il punto preciso nel quale riprendere le maglie.

Solitamente basta inserire la punta del ferro all’interno della maglia ( V ) ma se non fosse possibile individuarlo basterà inserire il ferro tra la 1° e la 2° maglia fatta.

Dopo aver ripreso l’ultima maglia mettete un marcapunto che segnerà la fine ed inizio del giro.

Adesso contate e scrivete sul foglio il numero di maglie che avete sul ferro perché dovrà essere lo stesso anche per l’altra manica.

Da ora in poi dovrete lavorare la lunghezza della manica e fare le dovute diminuizioni fino ad arrivare alla misura del polsino.

DIMINUZIONI DELLE MANICHE E POLSINO

Le maniche solitamente seguono la forma del nostro braccio, quindi sono più larghe in cima fino ad essere strette ai polsi, quindi è chiaro che dovrete fare delle diminuizioni.

MA COME CALCOLARE QUANTE DIMINUZIONI FARE?

Riprendiamo il nostro campione 10 x 10 a maglia rasata dove abbiamo in larghezza 2 maglie ed in altezza 2,8 ferri per ogni cm. e facciamo qualche calcolo.

Consideriamo che la lunghezza della nostra manica senza bordino dovrà essere di cm. 36 = 100 ferri

Per il bordino considerate un’altezza di circa 4 cm. = 11 ferri da lavorare a coste 2/2.

Che la larghezza del nostro sottobraccio sia di cm. 33 = 66 maglie

Che la larghezza del nostro polsino dovà essere 18 cm. = 36 maglie

Numero maglie 66 – 36 = 30 maglie che divise a metà saranno 15

Saranno 15 perché in ogni ferro di diminuizione dovremo diminuire sempre 2 maglie.

A QUANTI CENTIMETRI FARE LE DIMINUZIONI?

Dovremo dividere la lunghezza della manica, cioè 36 per 15 maglie = ogni cm. 2,4 che equivalgono a numero ferri 6,72 che potete arrotondare a 6.

Quindi su di un foglio numerate i ferri fino a 100 e cerchiate quei numeri nei quali fare gli aumenti, nel nostro caso segnere il 1 e il 6 ferro l’aumento e così via.

DOVE FARE LE DIMINUZIONI

Le diminuzioni si fanno in prossimità delle due maglie raglan.

La prima diminuzione si fa prendendo insieme due maglie ( la maglia che precede il raglan ed il raglan) lavorandole a diritto mentre la seconda diminuzione si fa passando sul ferro destro la maglia raglan senza lavorarla, si lavora a diritto quella successiva e poi si accavalla il raglan sulla maglia appena lavorata.

Conclusi i 100 ferri inizierete a fare il bordino di cm. 4 a coste.

Fatto il bordino dovrete chiudere tutte le maglie e lo farete con l’accavallata semplice, si lavora la prima e la seconda maglia del ferro a diritto e poi si accavalla la prima sulla seconda e continuate fino a terminare tutte le maglie sul ferro.

Laura