Da non perdere
pt-ptitfresen

Ricetta della Pastiera napoletana

La ricetta della pastiera napoletana appartiene alla tradizione napoletana, la quale ci ricorda la sua preparazione proprio nel periodo della Pasqua.

La ricetta che vi propongo oggi è un po’ rivisitata, senza tralasciare però gli ingredienti principi, ottenendo un dolce profumatissimo e delicatissimo, ho volutamente evitato di aggiungere i candidi dato che non si accostano al mio gusto e a quello dei miei cari, adatto sicuramente per le occasioni speciali, la pastiera può essere proposta come dessert  nelle giornate  più soleggiate, in quanto è un dolce da gustare freddo, nonostante sia un dolce piuttosto calorico, non appesantisce.

Si tratta di un dolce a base di pasta frolla, fatta in una maniera diversa dal solito, proprio per esaltare la morbidezza ed elasticità dell’impasto, con un ripieno a base di ricotta, uova, zucchero, grano cotto, profumato con l’aroma di fiori di arancio. Il risultato è strepitoso, io l’ho preparato e ha ottenuto un grande successo.

Ingredienti per 10 persone:

Per la pasta frolla:

  • 200 gr. di farina 00
  • 100 gr. di zucchero semolato
  • 100 gr. di burro ammorbidito a temperatura ambiente
  • 2 uova intere
  • 1 punta di cucchiaio di ammoniaca per dolci
  • 1 cucchiaino di miele
  • la buccia grattugiata di 1 limone facoltativa
  • 1 bustina di vanillina

Per il ripieno:

  • 250 gr. di ricotta di pecora asciutta non freschissima
  • 4 uova intere
  • 250 gr. di grano precotto o riso originario precedentemente cotto con il latte e scorza di limone.
  • 180 gr. di zucchero semolato
  • burro q.b.
  • farina q.b.
  • latte q.b.
  • la buccia grattugiata di 1 limone
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 fiala di aroma millefiori
  • 1 fiala di aroma fiori di arancio
  • 1 fiala di aroma alla vaniglia

Preparazione:

  1. La prima cosa da fare è quella di ammorbidire il grano precotto con del latte. Si prende una pentola nella quale verseremo il grano precotto insieme a 1 tazza di latte, 1 noce di burro e la buccia di un limone grattugiata,  cuociamo per circa 20 minuti o per lo meno, fino a quanto il grano non avrà assorbito tutto  il latte. Leviamo dal fuoco e lasciamolo raffreddare.
  2. Prepariamo la pasta frolla, aggiungendo in un recipiente gli ingredienti previsti, iniziando dalla farina, lasciando il centro libero, poi lo zucchero, continuando a lasciare il centro libero e concludendo con le uova e il burro ammorbidito. Lavorate con le mani partendo dal centro, solo alla fine unite la farina, otterrete un impasto morbido che coprirete con della pellicola e che lascerete riposare in frigo per 1 ora.
  3. Nel frattempo, prepariamo la crema dell’impasto, iniziando a montare con le fruste, solo le 4 uova fino a quando queste non saranno diventate spumose.  Poi lasciatele in un recipiente a parte e usando sempre le fruste elettriche, montate  la ricotta con lo zucchero, aggiungendo se necessario del latte ( pochissimo ) per rendere più cremoso l’impasto, versiamo 1 cucchiaino di cannella, le fialette aromatiche, il grano che sarà diventato asciutto e freddo, continuando a montare per qualche secondo. Accendete il forno ventilato a 180°.
  4. Leviamo la pasta frolla dal frigo,  preleviamo una parte che ci servirà per fare le strisce di decorazione e con l’altra prepariamo una sfoglia con l’aiuto di un mattarello con la quale fodereremo una teglia di circa 22-23 cm. di diametro, imburrata e infarinata in precedenza. Con l’aiuto di una forchetta buchiamo la superficie della pasta frolla e versiamo l’impasto all’interno, evitando di riempirla fino all’orlo, perché durante la cottura questi potrebbe fuoriuscire in maniera spiacevole e decoriamo la superficie con delle strisce di pasta frolla che andremo a fermare direttamente sopra il bordo della teglia.
  5. Una volta che il forno sarà arrivato a temperatura, cuocete per 45 minuti, il dolce sarà pronto quando la superficie avrà preso un colore ambrato.
  6. Una volta cotta, lasciate riposare la pastiera a temperatura ambiente e gustatela a freddo spolverizzando la superficie con dello zucchero a velo.
  7. Conservatela in frigo.

Laura Ramerini

Sono Blogger a tempo quasi pieno e mamma di due splendidi bambini. Tra le mie passioni la musica, il canto, la cucina, il ricamo, i viaggi e tutto quello che riguarda la salute.
banner