Tigelle modenesi. Autore Fugzu. Licensed under the Creative Commons Attribution
Tigelle modenesi. Autore Fugzu

Ricetta delle Tigelle modenesi

Le Tigelle sono tipica prelibatezza della zona di Modena, sono piccole schiacciate di pasta lievitate, cotte in un’apposita piastra, ideali per essere farciti con salumi o formaggi. Li ho conosciute ormai qualche anno fa, accettando l’invito a pranzo di una coppia di amici modenesi molto simpatici, i quali per l’occasione ci prepararono queste deliziose schiacciatine ripiene. Che meraviglia!

NB: per questa ricetta è necessario munirsi di una piastra per la cottura, chiamata Tigelliera, una doppia piastra in alluminio con cerniera e i manici in legno per girare la piastra durante la cottura. Se non possedete la tigelliera potete sempre cuocere i dischi in forno caldo, 200°C avendo cura di girarli da entrambi le parti, dovranno gonfiare e dorarsi oppure potrete utilizzare una padella antiaderente precedentemente riscaldata.

La preparazione si svolgerà in due tempi: dopo un’iniziale lievitazione, ci sarà il riposo della pasta in frigorifero per 8 ore, prima di lavorarla.

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 gr. di farina 0
  • 500 gr. farina 00
  • 60 grammi di strutto
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 bustina di lievito disidratato o 25 gr. di lievito di birra fresco
  • latte circa 300 gr.
  • acqua circa 200 gr.
  • 1 cucchiaino di sale

Preparazione:

  • Tigelliera. Autore Biopresto. Licensed under the Creative Commons Attribution

    Tigelliera. Autore Biopresto

    Mettete all’interno dell’impastatrice, se l’avete, sennò farete a mano, pazienza, i due tipi di farine, il latte 300 gr.,  i 60 gr. di strutto e per ultimo il lievito.

  • Iniziate a  lavorare per qualche minuto, poi aggiungete 200 gr. di acqua tiepida, 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva e 1 cucchiaino di sale, continuate ad impastare per circa 10 minuti, fino a quando la pasta risulterà soda e non appiccicosa, caso mai aggiungete altra farina.
  • Dovrete ottenere una pasta liscia e morbida, fate lievitare per circa 2 ore coprendo la superficie con canovaccio, poi mettete in una ciotola chiusa con coperchio o pellicola in frigorifero nel centro e fate riposare per 8 ore circa.
  • Quando andremo a togliere la pasta dal frigorifero, infariniamo il piano da lavoro e stendiamo il composto con l’aiuto di un mattarello, formando uno spessore di 5 mm e con l’aiuto di un coppapasta, daremo le forma di dischi, una volta completata questa operazione le faremo lievitare nuovamente per altri 20 minuti, prima di metterle a cuocere all’interno della tigelliera, che dovrà essere rigorosamente calda, da entrambi le parti ( andrà messa a cuocere sopra i fornelli della cucina).
  • Nella tigelliera, i dischetti dovranno cuocere per circa 5 minuti per parte, dovranno risultare appena coloriti, poi levateli e metteteli a riposare su una teglia ricoperta con un canovaccio e via via che li preparerete le adagerete delicatamente sopra, per mantenersi calde.
  • Infine, non vi resta altro che farcirle a vostro piacimento, mettendo prosciutto crudo e stracchino oppure salame, verdure crude e crescenza. insomma vi potete sbizzarrire.

 

 

 

Laura Ramerini

Sono Blogger a tempo quasi pieno e mamma di due splendidi bambini. Tra le mie passioni la musica, il canto, la cucina, il ricamo, i viaggi e tutto quello che riguarda la salute.
banner