Da non perdere
pt-ptitfresen
Bambini. Autore e Copyright Marco Ramerini
Bambini. Autore e Copyright Marco Ramerini

Difese immunitarie nei bambini: come aumentarle e migliorarle

I bambini, specie quelli al di sotto dei 6 anni, possiedono un sistema immunitario debole e sono  il principale bersaglio di virus e batteri, l’inizio dei malanni coincide quasi sempre con la loro entrata nel mondo della società, nell’asilo nido e nella scuola materna, dopo pochi giorni di scuola, ecco che il bambino inizia ad avere i primi sintomi di raffreddore, tosse… e noi mamme subito ci allarmiamo.

Rilassatevi mamme apprensive e non vi preoccupate, fa parte del gioco, vedrete che tra qualche anno i vostri figli saranno più robusti e  non si ammaleranno così facilmente. Funziona così, il bambino nei primi anni si ammala spesso, il suo sistema immunitario deve venire a contatto dei batteri e virus, per creare le difese, i cosiddetti leucociti, soldati arruolati per combatterli, una volta conosciuti di persona i nemici della nostra salute, la volta dopo quando si ripresenteranno, li riconosceranno subito e saranno pronti a sconfiggerli, piano piano  il sistema immunitario sarà sempre più forte e il bambino si ammalerà sempre meno.

Attività fisica. Autore Malcolm Jarvis. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike

Attività fisica. Autore Malcolm Jarvis

L’IMPORTANZA DELLO SPORT

Un’altra cosa che mi sento di raccomandare è l’importanza dello sport nella vita del bambino. Lo sport, specie  quello svolto all’aperto come il calcio, potenzia le difese immunitarie, il discorso vale sia per i piccoli che per i grandi. Vi racconto  brevemente la mia esperienza personale:

Avendo un bambino di 6 anni, siamo venuti a contatto  con il mondo dello sport, in particolare con quello del calcio, abbastanza presto, dato che è un maschietto, era abbastanza scontato l’attrazione per il pallone, lo abbiamo indirizzato verso questa disciplina, sotto il consiglio del nostro pediatra, il quale ci ha mostrato i vantaggi che questo sport produce nel bambino,a prescindere che deve essere intrapreso come divertimento e un gioco: innanzitutto lo porta a fare gruppo e quindi a socializzare con i suoi coetanei rendendolo più sicuro di se stesso, è un’attività che si svolge all’aperto a contatto non solo con temperature miti, ma dato che l’inizio coincide con l’apertura delle scuole, il bambino opportunamente coperto, dovrà fronteggiare anche temperature basse, pioggia e umidità, ma questo non vi dovrà scoraggiare e neppure rendere ansiose, la cosa essenziale è che finito l’allenamento il bambino si faccia una doccia ben calda: essendo uno sport che si svolge all’aperto, vostro figlio non verrà a contatto facilmente con virus e batteri, a differenza di sport che si svolgono al chiuso, nei quali la  proliferazione di germi è più accentuata. Praticare sport, possiede inoltre, la capacità di attivare il metabolismo e specialmente in un bambino con qualche chilo in più , ha il vantaggio di far perdere peso facilmente, affiancato da una sana alimentazione.

Dovete sapere che mio figlio durante tutto l’inverno non si è mai ammalato e quindi essendo una mamma apprensiva con tutte le paure del caso, mi sono dovuta ricredere!

Arance. Autore Rafael Castillo. Licensed under the Creative Commons Attribution

Arance. Autore Rafael Castillo

DIETA RICCA DI FRUTTA E VERDURA

Mangiare sano è alla base di tutto, prediligere  frutta e verdura di stagione, non surgelata. Prediligere cibi ricchi di Vitamina CVitamina D ( aumenta le difese immunitarie ), Vitamina E ( previene tosse e catarro ) e di Zinco ( piselli, yogurt ). Studi recenti,  hanno visto che consumare proteine animali , in particolare la carne di Tacchino, producono un aumento di globuli bianchi, capace di irrobustire il sistema immunitario.

RIDURRE IL CONSUMO DI ZUCCHERI RAFFINATI

Nel bambino è importante non abusare nel consumo di cibi ricchi di zuccheri raffinati, cioè di merendine, caramelle etc o anche di succhi di frutti industriali, bevande gassate, oltre al  consumo di alimenti contenenti farina bianca, in quanto producono automaticamente zuccheri. Un abuso di zucchero infatti, indebolisce le difese immunitarie, rendendolo più vulnerabile alle malattie.

PROBIOTICI E PREBIOTICI

I probiotici,  svolgono un’ azione di prevenzione indiscutibile nelle malattie da raffreddamento, in quanto fanno da barriera contro i virus e germi che attaccano gli organi intestinali. Non solo, sono essenziali, nel processo digestivo, ma svolgono azione di prevenzione nella malattie gastrointestinali, come mal di pancia e diarrea, molto frequente nei bambini. Inoltre, i più importanti probiotici per rinforzare il sistema immunitario, sono i lactobacilli e i bifido batteri. Gli alimenti che contengono questi particolari probiotici, sono soprattutto gli yogurt, lieviti, controllate sempre l’etichetta per avere la certezza della loro presenza, inoltre li troviamo anche in farmacia sotto forma di fermenti lattici, i quali contengono dei particolare batteri capaci di contrastare addirittura la carie. Non basta fare il pieno di probiotici, è importante anche usare i prebiotici, che sono cibo per i primi. I probiotici per svolgere la loro funzione al meglio hanno bisogno di cibarsi, di prendere energia proprio dai prebiotici, i quali fanno sì che vengano assorbite al meglio nell’organismo le Vitamine e i sali minerali. Le principali fonti di prebiotici sono contenuti  negli alimenti ricchi di fibre, come  legumi, asparagi, frutta secca ( noci ), avena, grano, tarassaco.

IL SONNO

Dormire bene è fondamentale per il bene fisico e psichico del bambino, le ore di sonno non dovrebbero essere mai inferiori alle 10-14 ore nei piccoli, perdere ore di sonno significa indebolire il loro sistema immunitario, aumentando irritabilità e stress. Non si finisce mai di imparare, lo sapevate che è importante dormire con la luce spenta, senza l’utilizzo di lucine di emergenza o notturne?La melatonina, l’ormone del sonno, per aumentare la sua produzione ha bisogno di un ambiente buio.

RIMEDI FITOTERAPICI

Il ricorso alle piante ed erbe per prevenire le malattie di raffreddamento, specie nei bambini, richiede sempre l’approvazione del pediatra, in quanto conosce la vita clinica del bambino, le varie allergie  e problemi.

RIBES NERO  in gocce, in sciroppo senza alcol.

ROSA CANINA in gocce, in sciroppo senza alcol.

INFUSO DI FIORI DI SAMBUCO:  Previene malattie da raffreddamento, tosse e la formazione del catarro, oltre a svolgere funzione di rilassamento, adatto soprattutto prima di andare a dormire

Per i bambini più grandicelli, dai 6 anni ai 14, si può fare ricorso:

ECHINACEA sotto forma di sciroppo analcolico, è un buon immunostimolante.

Talebuia avellanedae ( lapacho ): usata, periodicamente, questa sostanza ricavata dalla corteccia di un albero proveniente dal Sud America, svolge la funzione di vaccino, potente nei confronti di virus, streptococchi, strafilococchi e gastranteriti. Ottimo immunostimolante.

UNCARIA TOMENTOSA: Sciroppo senza alcol è capace di contrastare l’insorgere dell’influenza, oltre a svolgere funzione antinfiammatoria e a contrastare i sintomi dolorosi.

OLIO ESSENZIALE DI PINO: Mescolate  2 gocce di olio essenziale di Pino con 2 cucchiaini di olio dolci di mandorle e stendere il composto sulla pianta del piede, questo trattamento ha la capacità di prevenire la formazione di muco.

OLIO ESSENZIALE DI TIMO: Mescolate 2 gocce di olio essenziale di Timo con 2 cucchiaini di olio dolci di mandorle e stendere sulla pianta del piede, questo metodo è capace di prevenire tosse e mal di gola.

Laura Ramerini

Sono Blogger a tempo quasi pieno e mamma di due splendidi bambini. Tra le mie passioni la musica, il canto, la cucina, il ricamo, i viaggi e tutto quello che riguarda la salute.
banner
Close
Seguici su Facebook
Resta aggiornato con Famiglia e Salute